Massoterapia per animali PDF Stampa E-mail

 

 

L'animal massager è una nuova figura professionale particolarmente diffusa negli Stati Uniti, dove vige un vero e proprio culto degli animali.

 

 

Massaggi per i cani


dog-message-b

Il massaggiatore dei cani garantisce momenti di sollievo ai nostri fedeli amici a quattro zampe praticando una serie di massaggi (su dorso, pancia, zampe). I cani, oltre ad essere fedeli per eccellenza, sono esseri viventi che meritano lo stesso trattamento, devozione e attenzione delle persone.
E forse, qualche cosa in più... I cani, infatti, sono capaci di regalarci un amore incondizionato e disinteressato.
Esistono associazioni che organizzano veri e propri corsi specializzati di massaggio per cani. Il massage training è rivolto sia ai padroni (suona meglio chiamarli genitori) sia a chiunque voglia fare del dog massage una vera e propria professione. Lo scopo del dog massage consiste nel

 

  • rinsaldare il rapporto genitore-cane,
  • alleviare le sue sofferenze (soprattutto se il cane ha una certa età)
  • favorire il rilascio di endorfine,
  • aiutare la circolazione
  • sortire un effetto benefico e curativo per i cani particolarmente aggressivi.

 

Il massaggio è sempre stato parte integrante e fondamentale della fisioterapia, della medicina sportiva e della terapia riabilitativa in campo umano.

Per quanto riguarda la medicina veterinaria, nonostante si sappia da tempo che i nostri animali gradiscono molto questa procedura ed è per loro fonte di benessere, solo recentemente è stata adottata come terapia integrante nei protocolli fisioterapici.

In presenza di dolore i muscoli reagiscono automaticamente contraendosi; quando ciò accade, nella regione colpita dalla contrattura si ha una riduzione del flusso ematico, di conseguenza una riduzione dell'apporto di ossigeno e dell'eliminazione dei cataboliti dal muscolo. Questo porta inevitabilmente al formarsi di un circolo vizioso di dolore, tensione muscolare, di nuovo dolore. L'interruzione di questo circolo vizioso è una delle maggiori indicazioni per la massoterapia.

Benefici ed effetti terapeutici

  • effetto anti stress che allevia le tensioni dell'animale, anche quando risentono del nostro stress
  • riduzione della depressione, una situazione che colpisce anche i nostri amici a quattro zampe
  • rilassamento immediato e benessere subito percepibile per l'animale
  • azione positiva contro insonnia, irritabilità e agitazione
  • tonificazione della muscolatura di cani e gatti
  • alleviamento di dolori e infiammazioni, ad esempio per le zampe posteriori dei cani di grossa taglia

 

Effetti terapeutici

  • Incrementa il flusso sanguigno
  • Migliora l'apporto di ossigeno e l'eliminazione delle tossine
  • Stimola il rilascio di endorfine aiutando il paziente a rilassarsi sia fisicamente che mentalmente e ad alleviare la sensazione di dolore
  • Accelera la riparazione del tessuto muscolare
  • Aumenta il ritorno venoso e linfatico, aiutando il riassorbimento di edemi
  • Previene la formazione di aderenze o aiuta a scioglierle se già presenti
  • Migliora la sensibilità cutanea
  • Aumenta il tono muscolare e l'elasticità muscolo-tendinea (soprattutto se associato a esercizi di stretching o a tecarterapia)
  • Migliora il rapporto paziente/terapista e in caso di massaggio a casa il rapporto del proprietario con il proprio animale.

 

Indicazioni

Il trattamento massoterapico sugli animali può essere utile per

  •  alleviare la tensione muscolare secondaria a problemi articolari o spinali (ad es., in caso di artrosi o esiti di interventi chirurgici)
  •  migliorare la funzione muscolare e l'escursione articolare
  •  ridurre o prevenire la stasi venosa e linfatica (ad es., in caso di edemi post-operatori o da immobilità)
  •  regolare il tono muscolare (a seconda delle tecniche utilizzate si può aumentare o diminuire)
  •  Una massoterapia precoce dopo un trauma e/o una chirurgia aiuta a prevenire congestione ed aderenze nella zona interessata
  •  In pazienti neurologici affetti da paresi o paralisi il massaggio può essere utilizzato per migliorare il tono e la percezione sensoriale
  •  Per preparare il muscolo e il tessuto connettivo all'esercizio fisico
  •  Per accelerare la ripresa muscolare post allenamento.

 

Le manovre utilizzate

Le tecniche sono molteplici, dalle più leggere che offrono un massaggio più superficiale come l'effleurage (sfioramento) fino a tecniche che penetrano più in profondità nei tessuti come, ad esempio, la pressione diretta tramite digitopressione (come nel TuiNa). A ogni sessione di massaggio vengono integrati esercizi di stretching che variano a seconda delle zone interessate, delle esigenze e della sensibilità del paziente. e l'utilizzo della suonoterapia e degli altri strumenti illustrati nelle pagine riguardanti questa sezione.


Cosa ne pensano cani e gatti

La massoterapia è la loro terapia preferita perché viene vissuta come una coccola e ne possono beneficiare sia animali con patologie che animali in perfetto stato di salute come cani atleti e da lavoro.

 

Passiamo alla pratica: qualche simpatico consiglio per eseguire un dog massage.

Il massaggio è un modo per donare benessere in modo piacevole e veloce ai nostri amici a quattro zampe, un modo molto dolce di restituire la fedeltà e devozione che riceviamo ogni giorno.

Il massaggio è perfetto per gli animali domestici. L'Animal Sound Touch® o Animal Touch Therapy® prevede l'integrazione tra tecniche occidentali e orientali e quini, a seconda dei casi, manualità dolci, leggere e rilassanti (che hanno un effetto più profondo e agiscono in maniera più incisiva a livello psico-emozionale) o manovre più forti e pesanti, che rimangono a un livello più superficiale ma altrettanto utile.

 

Contrariamente a ciò che si pensa, anche con le manovre più dolci e leggere possiamo agire su articolazioni e muscoli, così come prevedono tecniche come l'Ortho-bionomy, disciplina che si basa su un approccio molto dolce e rilassante.

 

Ricordiamoche che il massaggio è anche un'occasione per rafforzare il rapporto con il nostro animale con coccole e dolcezza.

 

Quali animali possono ricevere il un trattamento di massoterapia?

Tutti gli animali domestici di dimensioni abbastanza grandi per ricevere un massaggio possono sperimentare i benefici dell'AST o ATT: sicuramente cani e gatti, cani di grossa taglia e cani piccoli, razze di cane e gatto a pelo lungo e corto, cavalli e pony.

 

Le manualità Animal Touch Therapy® prevedono movimenti circolari, lineari, di scollamento, di digitopressione; si tratta di accarezzamenti un po' più profondi, con movimenti circolari su schiena, petto, addome e allunghi lineari sulle zampe, ma anche di pompages.

Durante il trattamento l'animale si abbandona – potrebbe facilmente russare – immerso in un leggero sonno molto rigenerante, ma comunque cosciente. Spesso capita che siano gli stessi animali a indicare dove desiderano essere trattati, stendendo le zampe o girandosi per porgere le parti preferite.

In caso di dolori o traumi dell'animale, il trattamento Animal Touch Therapy® è molto utile per facilitare il movimento, ricordando però che in nessun caso sostituisce la cura veterinaria, quando necessaria.


Per prima cosa, è opportuno fare qualche coccola all'animale per farlo sentire a suo agio. Nel caso di un cane, è necessario far sdraiare l'animale su un fianco e prepararlo al trattamento. Se il massaggio viene eseguito da altri (non dal proprietario del cane) è opportuno che lo stesso assista alla seduta. In questo modo l'animale si sentirà in un ambiente più familiare. Per rilassare meglio il cane, si può ricorrere anche a suoi premietti preferiti, che vanno dispensati con parsimonia.
Il trattamento consiste di solito in massaggi manuali. Il massaggiatore esercita una leggera pressione sulla zampa e con l'altra mano esegue il massaggio procedendo dalla parte superiore del corpo verso il basso, ma potrebbe anche tenere una mano sull'addome e massaggiare con l'altra mano la schiena, e viceversa. Anche il ritmo del massaggio varia a seconda di quello che vogliamo ottenere sull'animale.
Un altro massaggio molto gradito dai piccoli pazienti è quello addominale. La posizione del nostro animale dipende dalla sua taglia (nel caso di cani e gatti): si può quindi stendere in posizione supina e su un fianco a seconda della taglia e massaggiarlo a più riprese.
Occorre trattare bene, nel corso della seduta, gli arti inferiori, spesso gravati da maggiore fatica.
Molto efficaci sono i massaggi sulla schiena che possono partire dall'alto verso il basso oppure dalla testa alla coda. Infine, si può massaggiare la testa del cane avendo cura di eseguire movimenti circolari e lenti o più veloci, a seconda del caso.

 

 

Il cavallo: Un nuovo approccio


massaggio-cavallo-b 

E' ormai risaputo che il contatto fisico è fondamentale per un normale sviluppo psico-fisico di un soggetto. Ciò è vero per l'uomo, ma non solo: anche i cavalli, magnifici animali a quattro zampe, hanno bisogno di un tipo particolare di contatto, nello specifico ciò di cui hanno bisogno è la massoterapia.

 

Ma come, quando e perché massaggiare il tuo cavallo?

 

Tutto ciò che abbiamo detto sul massaggio per il cane vale anche per il cavallo.

Questa terapia muscolare permette agli atleti equini di usare al meglio il loro potenziale, evitando problemi muscolari che portano a rigidità e dolore e che quindi compromettono notevolmente il movimento dell'animale e che, se non prese in tempo, potrebbero degenerare in zoppìe. E' adatta anche agli animali che hanno subito interventi e hanno bisogno di riabilitarsi, o quelli che hanno vissuto un lungo periodo di inattività e immobilità.

 


 

I benefici per il cavallo:

  • aiuta a risolvere problemi di rigidità di qualsiasi genere (spasmi, contratture, atrofia muscolare, ecc)
  • ripristina l'elasticità di tendini e legamenti favorendo la piena libertà di movimento delle articolazioni
  • migliora la circolazione sanguigna e l'ossigenazione
  • rilascia le endorfine, quindi allevia le tensioni nervose
  • stimola la circolazione linfatica, aiutando la fluidità del liquido sinoviale, prevenendo gonfiori e infiammazioni
  • previene l'insorgenza di rigidità muscolari
  • previene gli infortuni causati da strappi e stiramenti
  • aiuta il cavallo a esprimere al meglio il suo potenziale atletico
  • previene la formazione di acido lattico dopo l'attivià sportiva
  • con la mobilizzazione passiva, aiuta la mobilità e la flessibiltà delle articolazioni
  • aiuta a eliminare le tossine

 

 

Qualche consiglio su come praticare un massaggio al nostro amico a quattro zampe.

Innanzitutto, il cavallo dovrebbe essere legato, ma in modo tale da garantirgli di muovere comodamente la testa, così da rilassarsi. La cosa importante è che riesca a concentrarsi sul nostro tocco, quindi togliete tutto ciò che potrebbe infastidirlo come anelli, bracciali ecc. Lavorerete su un lato per volta. Iniziata con la spazzata: passate la mano lungo il corpo del cavallo, ciò gli indicherà l'inizio del massaggio, e fate attenzione alle reazioni specifiche che ha quando passate su una determinata area. Cominciate da sotto le orecchie, continuate sul collo e così via, ricordando di seguire il verso del pelo; esercitate e pressioni decise usando entrambe le mani, altrimenti questa fase risulterà inutile, in quanto è finalizzata a verificare se l'animale manifesta la presenza di dolori, gonfiori o ferite.

 

 

Importante

La massoterapia per animali SOSTITUISCE IN ALCUN MODO l'operato e le cure del veterinario. Può essere un valido supporto alle cure veterinarie, è quindi un trattamento COMPLEMENTARE e di affiancamento il cui scopo è potenziare e ampliare gli effetti benefici della terapia veterinaria classica.

Essa è volta principalmente a mantenere il corpo del cavallo in una condizione fisica migliore, prevenendo principalmente ogni tipo di problema all'apparato muscolo-scheletrico.

Nel dubbio chiedete al vostro veterinario di fiducia!